Ultime news

Meeting Nazionale di Gran Fondo, argento per Cristina Alvino nel doppio C
Gen
2020
27
Ascione premiato al Coni per il titolo euro-africano di pesca in apnea
Gen
2020
18
Cerimonia di premiazione del concorso “L’arte contro la violenza sulle donne”
Nov
2019
21
Triathlon, nella baia di Trentova si rinnova l’appuntamento 30 Eggs
Ott
2019
18
Atleta dell’anno 2019, titolo assegnato ex aequo a Vitolo e Ardimento
Ott
2019
14
Al Circolo Canottieri Irno l’incontro annuale degli ex Allievi Tasso
Ott
2019
12

Storia del circolo

È agli inizi del Novecento che in Città si comincia a parlare di voga e di un nuovo sport del mare: il canottaggio.

Sino a quel momento lo sport era consistito soltanto in un po’ di podismo e di ciclismo, oltre che in esibizioni di ginnastica, scherma e lotta greco-romana tra gli studenti del Convitto Nazionale e dell’annesso Regio Liceo-Ginnasio “Torquato Tasso”, dove al termine dell’anno scolastico era tradizione disputare gare fra gli alunni interni ed esterni preparati dagli insegnanti di educazione fi sica e dal maestro d’Armi.

Per mare si è sinora andati, e solo per diporto, su lance o su baleniere, pesanti imbarcazioni a remi a sedili biposto, senza carrelli scorrevoli, a otto, dieci e più rematori, a volte anche armate a vela o sui gozzi e sulle scappavie, barche più leggere e manovrabili. Non si trattava ancora di canottaggio, erano solo gite lungo le spiagge: in barca si andava persino vestiti di giacca e cravatta col cappello o con la “canotier”, come, all’epoca, veniva chiamata la nostra famosa “paglietta”. Né si aveva alcuna velleità di fare agonismo. Se necessario, lo si faceva in feste padronali o in incontri amichevoli con gli equipaggi dei pochi battelli stranieri all’ancora nel piccolo bacino del nostro porto.

Servizi

Palestra

E’ consentito ai soci l’utilizzo delle palestre secondo il regolamento vigente: La (leggi tutto)