Ultime news

Progetto Trotula: è nella palestra Almerico Tortorella che verranno curate le donne operate al seno
Ott
2022
10
Inaugurazione palestra “Almerico Tortorella”
Ott
2022
08
Cerimonia di inaugurazione palestra “Almerico Tortorella”
Ott
2022
03
Leone d’oro alla carriera ad Alberto Fortis
Set
2022
29
Presentati i Giovanili in Singolo. Domani via alle regate.
Ago
2022
31
Conclusa la Coppa Primavela con le premiazioni alla Lega Navale Salerno
Ago
2022
30

Storia del circolo

È agli inizi del Novecento che in Città si comincia a parlare di voga e di un nuovo sport del mare: il canottaggio.

Sino a quel momento lo sport era consistito soltanto in un po’ di podismo e di ciclismo, oltre che in esibizioni di ginnastica, scherma e lotta greco-romana tra gli studenti del Convitto Nazionale e dell’annesso Regio Liceo-Ginnasio “Torquato Tasso”, dove al termine dell’anno scolastico era tradizione disputare gare fra gli alunni interni ed esterni preparati dagli insegnanti di educazione fi sica e dal maestro d’Armi.

Per mare si è sinora andati, e solo per diporto, su lance o su baleniere, pesanti imbarcazioni a remi a sedili biposto, senza carrelli scorrevoli, a otto, dieci e più rematori, a volte anche armate a vela o sui gozzi e sulle scappavie, barche più leggere e manovrabili. Non si trattava ancora di canottaggio, erano solo gite lungo le spiagge: in barca si andava persino vestiti di giacca e cravatta col cappello o con la “canotier”, come, all’epoca, veniva chiamata la nostra famosa “paglietta”. Né si aveva alcuna velleità di fare agonismo. Se necessario, lo si faceva in feste padronali o in incontri amichevoli con gli equipaggi dei pochi battelli stranieri all’ancora nel piccolo bacino del nostro porto.

Servizi

Palestra

E’ consentito ai soci l’utilizzo delle palestre secondo il regolamento vigente: La (leggi tutto)