Ultime news

“L’asino e la gazzella”, ai Canottieri la presentazione del libro di Anna Allegro
Feb
2020
18
Vela, Premio Eolo assegnato a Cinquanta, Avallone, Salzano e Lavorato
Feb
2020
14
Regata “D’inverno sul Po”, bronzo per gli special olympics Piccininno e Annunziata
Feb
2020
09
Canottieri Irno, la sfida del 2020: “Più spazi per continuare a far sviluppare lo sport”
Gen
2020
30
Meeting Nazionale di Gran Fondo, argento per Cristina Alvino nel doppio C
Gen
2020
27
Ascione premiato al Coni per il titolo euro-africano di pesca in apnea
Gen
2020
18

Storia del circolo

È agli inizi del Novecento che in Città si comincia a parlare di voga e di un nuovo sport del mare: il canottaggio.

Sino a quel momento lo sport era consistito soltanto in un po’ di podismo e di ciclismo, oltre che in esibizioni di ginnastica, scherma e lotta greco-romana tra gli studenti del Convitto Nazionale e dell’annesso Regio Liceo-Ginnasio “Torquato Tasso”, dove al termine dell’anno scolastico era tradizione disputare gare fra gli alunni interni ed esterni preparati dagli insegnanti di educazione fi sica e dal maestro d’Armi.

Per mare si è sinora andati, e solo per diporto, su lance o su baleniere, pesanti imbarcazioni a remi a sedili biposto, senza carrelli scorrevoli, a otto, dieci e più rematori, a volte anche armate a vela o sui gozzi e sulle scappavie, barche più leggere e manovrabili. Non si trattava ancora di canottaggio, erano solo gite lungo le spiagge: in barca si andava persino vestiti di giacca e cravatta col cappello o con la “canotier”, come, all’epoca, veniva chiamata la nostra famosa “paglietta”. Né si aveva alcuna velleità di fare agonismo. Se necessario, lo si faceva in feste padronali o in incontri amichevoli con gli equipaggi dei pochi battelli stranieri all’ancora nel piccolo bacino del nostro porto.

Servizi

Palestra

E’ consentito ai soci l’utilizzo delle palestre secondo il regolamento vigente: La (leggi tutto)