FESTA DELL’ ATLETA 2017

FESTA DELL’ ATLETA 2017

Gaia Colasante Atleta dell’Anno

dsc_4994-1matola Il Circolo Canottieri Irno ha premiato i suoi atleti più meritevoli. Atleta dell’anno 2017 è Gaia Colasante, finalista nel mondiale juniores di canottaggio e prima nella piccola finale nell’europeo. L’ha premiata, con il Trofeo Matteo De Crescenzo, Paola Berardino, delegata del Coni provinciale. Il riconoscimento di master dell’anno è andato a Renato Matola: a lui è stato consegnato il trofeo Mario Napoli per la disponibilità sempre mostrata nei confronti del Circolo e in particolare nei confronti degli atleti special.

A fare da corona a Colasante e Matola, un centinaio di atleti giovanissimi, molti poco più che bambini, che praticano canottaggio, vela, canoa, triathlon nelle palestre del Circolo. Con loro gli atleti special olympics, seguiti da Gigi Galizia, e Federico Pappalardo, medaglia di bronzo nel campionato italiano pararowing.

A presiedere la manifestazione, il presidente Alberto Gulletta, il vice presidente sportivo Rosario Buonomo, il consigliere al canottaggio Antonio Annunziata e il consigliere alla canoa, Fabiano Roma.  Un minuto di silenzio è stato osservato in ricordo di Guido Roma, di recente scomparso. E il figlio Fabiano ha voluto donare al Circolo la prima tessera con cui Guido Roma si iscrisse nel ’48 alla Fic, allora federazione del canottaggio e della canoa. Sulla tessera il bel viso dell’allora diciassettenne Roma.

Foltissimi i gruppi delle diverse sezioni sportive: il bel gruppo canoa, allenato da Gabriele Fabris con il supporto di Antonio De Matteo, la squadra di canoa polo, guidata da Salvatore Serra, gli allievi e i cadetti del canottaggio, che tante vittorie hanno riportato sui campi di gara, con i loro allenatori, Francesco Alvino e Rosario Pappalardo,  i più giovani della vela con Erberto Sibilia impegnato su campi di gara nazionali e internazionali, i sub Ascione e Tortorella, il supergruppo del triathlon, tanti master irriducibili, cuccioli già vittoriosi di recente affiliazione, e  tre donne, Rosa Farace, Dina Caliro e Paola Roma, una più grintosa dell’altra. A far da padri nobili  i master del canottaggio e della canoa, reduci da affermazioni memorabili, e con loro il consigliere Edmondo Caprio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current day month ye@r *